Quello che non so di lei

“Quello che non so di lei”, è uno di quei film che una volta terminato, ti lascia a bocca aperta. Ti lascia col dubbio che forse qualcosa non ti è chiaro. Resti fermo nella sala, di fronte allo schermo, a bocca aperta. Poi cominci a collegare tutti i vari passaggi e, cominci a capire cos’è accaduto. Cominci a comprendere la genialità dell’autrice del romanzo, Delphine De Vigan e poi del regista, il maestro Roman Polanski.

Dopo aver scritto un best seller sulla vita di sua madre, la scrittrice Delphine comincia a ricevere lettere anonime che l’accusano di aver messo in piazza storie di famiglia che, dovevano restare segrete. Delphine, turbata da questa situazione, non riesce a trovare la giusta concentrazione per ritornare a scrivere, fin quando non conosce un’appassionata fan che, sembra riuscire a comprenderla e a sostenerla. Ma in questa donna c’è qualcosa di più di una semplice fan.

Emmanuelle Seigner ed Eva Green hanno interpretato i personaggi delle due donne in un modo eccezionale, in perfetta sincronia, rendendo i momenti di tensione perfetti.

Credo sia un film che solo dopo averlo visto possa essere realmente compreso. Non penso che le parole possano bastare. Vi consiglio vivamente di vederlo.

Voto 4/5 Visto al cinema