Scusate il disordine

L’OPINIONE

Scusate il disordine, è una raccolta di racconti che, per quanto abbiano tutti un collegamento con la musica, sono comunque tutti stralci di vita vissuta. Certo, molti sono anche fantasiosi, ma anche quelli lasciano il tempo alle riflessioni.

Scusate il disordine - copertinaAlcuni li ho trovati lenti e un po’ noiosi, altri invece, mi hanno completamente coinvolto.

In particolare l’ultimo, “Si”, mi ha lasciato senza parola. L’ho trovato di una forza e di una bellezza unica.

Insomma, ancora una volta Luciano Ligabue ci ha raccontato delle storie, ma non tramite delle canzoni, ma raccogliendole in un libro, e potendo così dilungarsi nei dettagli, cosa che una canzone non permette.

La neve se ne frega, resterà per me il più bel libro scritto da Ligabue, ma anche questo sa come coinvolgere!

Voto 4/5

DESCRIZIONE

Una volta giú, gli piacerebbe essere musicista ma è solo la sensazione di una sensazione. Non è una sensazione invece quel piolo sulla testa. E la sua Canzone piú bella? Quanto la dovrà tenere per sé e quanto lasciarla andare di fronte a un Ariston che si apre in due? Un vocal trainer può garantire qualunque cosa tranne il successo. Un manager, qualunque cosa tranne la fedeltà. Ma si può essere fedeli per tutta la vita alla propria batteria, e alla donna che suona il basso nel tuo gruppo da sempre. Signora Pilar, è durata anche troppo. Troppo poco un minuto per esprimere un desiderio al genio della chitarra. Ma non sono troppi dieci anni per un incontro cosí. O Sí? L’Uno e l’Altro. Insomma, questi racconti – cosí diversi fra loro e cosí inseparabili, vivaci come una scolaresca eterogenea ma affiatata – sono un tripudio di fantasia e vitalità. E soprattutto irrompono sulla scena due elementi nuovissimi nella scrittura vibrante di Ligabue: il fantastico e la forza della musica. La musica in tutte le sue declinazioni. La musica che, come il sesso e l’amore, sfugge fortunatamente a ogni tentativo di imbrigliarla. Perché solo nell’abbandono, nell’accettazione del mistero, nello stupore che ci afferra ogni volta come fosse la prima, possiamo sperimentare una quotidiana spettacolare magia.

INFO

NAZIONE Italia | ANNO 2016 | GENERE Racconti | AUTORE Luciano Ligabue

Annunci

9 pensieri su “Scusate il disordine

  1. lali1605 ha detto:

    Ti lasciavi andare. Ti consegnavi a un destino che nessuno ti aveva confermato. E lo facevi da sola. Come non volessi ricordare che, qualunque fosse stato il cammino, qualunque la meta, io ci dovevo essere.(la neve se ne frega)

    Liked by 1 persona

  2. »Simo ha detto:

    A me la neve se ne frega non era piaciuto, probabilmente perché l’ho letto che ero ancora troppo piccola (va beh, avevo 13 anni) e non l’ho capito molto! Per me il top è Il rumore dei baci a vuoto, mentre questo si merita solo un 3 da parte mia, troppi pochi racconti mi hanno colpita. Però Liga rimane comunque il migliore!

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...