Suffragette

Suffragette (2015)L’OPINIONE Credo che non ci sia giorno più giusto dell’8 marzo per parlare di questo film. Suffragette, infatti, racconta della lotta di alcune donne per il diritto al voto, che alle donne era assolutamente negato. Ed aggiungerei che insieme al voto, erano negate tante altre cose, a partire da una paga dignitosa, fino al diritto sui figli.

Ancora oggi, in molti paesi le donne non hanno diritti, ed ancor oggi le lotte per averli continuano, ma a quei tempi ovunque era così, ed il bigottismo dell’uomo era impressionante.

Questo film racconta parte di questi fatti, a tratti in modo anche abbastanza forte e crudo. Le donne che si ribellavano, venivano trattate come delle vere e proprie bandite, e come tali trattate.

Il film, riesce a raccontare tutto questo in modo stupendo, non trascurando particolari, con una fotografia stupenda, e delle interpretazioni impeccabili. Tutto è curato, ed il risultato finale lascia il segno. Forse un po’ lungo, visto l’argomento già pesante di suo, ma forse questa è l’unica pecca, e gliela vogliamo perdonare.

Consigliato sicuramente!

Voto 4/5 Visto al Cinema

TRAMA Suffragette ripercorre la storia delle militanti del primissimo movimento femminista, donne costrette ad agire clandestinamente per condurre un pericoloso gioco del gatto con il topo con uno Stato sempre più brutale. In lotta per il riconoscimento del diritto di voto, sono donne che appartengono alle classi colte e benestanti e tra loro alcune lavorano, ma sono tutte costrette a constatare che la protesta pacifica non porta ad alcun risultato. Radicalizzando i loro metodi e facendo ricorso alla violenza come unica via verso il cambiamento, queste donne sono disposte a perdere tutto nella loro battaglia per l’eguaglianza: il lavoro, la famiglia, i figli e la vita.

NAZIONE Gran Bretagna | ANNO 2015 | GENERE Drammatico | REGIA Sarah Gavron

Annunci

4 pensieri su “Suffragette

  1. mchan84 ha detto:

    Purtroppo anche nei paesi più civilizzati si deve ancora lottare per avere pari diritti.
    Ti sembra normale che ad un colloquio di lavoro ad una donna chiedano se è fidanzata/sposata o meno mentre ad un uomo no? E se risponde di sì chiedono se vuole avere od ha figli? E se risponde ancora di sì perdono del tutto interesse per lei e le sue capacità?
    Diciamo che la battaglia è ancora lunga.
    Mchan
    Ps: e sarebbe anche leggermente più utile al fine di educare i giovani studiarlo a scuola. Io non ricordo affatto di averne mai nemmeno parlato. Abbiamo solamente sfiorato l’argomento “voto alle donne” dopo la fine della seconda guerra mondiale.

    Mi piace

    • sabato83 ha detto:

      Concordo in pieno con te sul dare più spazio a questo argomento nelle scuole.
      Per il problema di cui parlavi prima, purtroppo ne sono a conoscenza, ed ho conosciuto persone che hanno avuto queste esperienze. Purtroppo c’è ancora tanto da fare, e questa cosa fa veramente spavento…

      Liked by 1 persona

  2. sherazade ha detto:

    In una struttura piramidale maschilista perché questa è continuerà ancora per molto ad essere difficile ragionare e costruire anzi modificare la società a misura di donna e tuttavia sarebbe già gran cosa riuscire ad ottenere pari dignità il rispetto nel quotidiano che è poi quello che determina la qualità della vita.
    Shera

    Mi piace

    • sabato83 ha detto:

      Hai proprio ragione, e questa cosa è veramente terribile…parliamo tanto di essere paesi civilizzati, e poi ci perdiamo sulle basi della civiltà e dell’uguaglianza…e siamo nel 2016…

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...