La nostra vita

La nostra vita (2010)L’OPINIONE Ed ecco l’ennesimo dramma in puro stile italiano. Già, perché tu cominci a vederlo, e già sai che qualcosa da un momento all’altro andrà storto. Comincia il film, una bella famiglia, una vita felice, e tu stai li a malignare che qualcosa succederà. Lui tradisce lei? No no, lei tradisce lui. Ma lei aspetta un bambino, quindi è improbabile che lo tradisca, quindi sarà lui a tradirla. Aspetta, allora lui perderà il lavoro e comincia a bere, perdendo la serenità in famiglia.

E invece no, tutto fila liscio. Così tu credi che tutto va bene. Io credevo che tutto potesse andare bene, che fosse una commedia e non un dramma, perché la trama non l’avevo letta e mi volevo fidare. Ed invece? Eccolo li il dramma. Come un pugno allo stomaco, che però in effetti ti aspettavi e che quindi più di tanto non fa male.

Lei muore durante il parto, lui va fuori di testa e comincia a fare cavolate su cavolate. Il succo di tutto il film?

[SPOILER]

Lui ne combina tante fin quando non cade così in basso da rendersi conto che più in basso di così non può andare. Se ne rende conto. I familiari lo aiutano, lui sistema le cose e tutti vissero felici e contenti.

[FINE SPOILER]

Beh, scusate lo spoiler, ma una cavolata di film come questo proprio ve lo voglio risparmiare. Veramente pessimo e scontato, scritto male, diretto peggio e interpretato da dilettanti. Veramente il peggio del cinema italiano, forse al di sopra solo dei cinepanettoni…ma almeno quelli ti fanno fare due risate.

EVITATELO!

Voto 1/5 Visto in Home Video

TRAMA Claudio è un operaio edile di trent’anni che lavora in uno dei tanti cantieri della periferia romana. E’ sposato, ha due figli, ed è in attesa del terzo. Il rapporto con sua moglie Elena è fatto di grande complicità, vitalità, sensualità. All’improvviso, però, questa esistenza felice viene sconvolta: Elena muore e Claudio non è preparato a vivere da solo. Rimuove il dolore e sposta il suo lutto nella direzione sbagliata: pensa solo a sfidare il destino, e a dare ai figli e a se stesso quello che non hanno avuto finora: il benessere, i soldi, i capricci, le vacanze, in una parola le “cose”. Per risarcire la sua famiglia, si caccia in un affare più grosso di lui e quando capisce che da solo non può farcela, si vede costretto a rivolgersi agli unici di cui si fida: la sorella troppo materna , il fratello timido e imbranato , il pusher vicino di casa.

NAZIONE Italia | ANNO 2010 | GENERE Drammatico | REGIA Daniele Luchetti

Annunci

7 pensieri su “La nostra vita

  1. lapinsu ha detto:

    Il film in sè non è bellissimo e su questo concordo: troppo banale.
    Tuttavia a me l’interpretazione di Elio Germano ha lasciato di sasso: l’ho trovato bravissimo. Praticamente da solo riscatta una storia insulsa.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...