Romeo e Giulietta dall’odio all’amore

L’OPINIONE

Romeo e Giulietta, dopo centinaia di anni, riesce sempre ad emozionare, restando La storia d’amore in assoluto. Non c’è bisogno che descriva la trama, perché chiunque la conosce, sopratutto nella sua scena finale, che sempre sa colpire al cuore. E se con il cuore questa storia viene raccontata, il successo è sempre garantito.

Romeo e Giulietta - Dall'odio all'amore (2014)Ieri sera ho avuto modo di assistere alla messa in scena de la “Glooming Peace Company” di Cava de’ Tirreni. Un gruppo nato dal nulla, da un’idea di Agostino Giordano, suo promotore. Una compagnia, questa, che ha messo in scena l’opera omonima del grande maestro Shakespeare, in una versione rivista e adattata delle edizioni musicali “Roméo et Juliette. De la faine à l’amour” e della versione italiana “Romeo e Giulietta. Ama e cambia il mondo”. L’adattamento e la regia sono stati di Agostino Giordano e Carla Russo, i quali hanno rielaborato i testi cantati, e aggiungo parti recitate.

Per circa 2 ore, si sono alternati sul palco e nell’intero chiostro che ha ospitato lo spettacolo oltre 20 ragazzi, che hanno messo in scena uno spettacolo tra canzoni e recitazione, che ha saputo colpire.

I cantanti sono stati eccezionali, meno nel recitato, a mio avviso troppo frettolose, non scandendo così i ritmi che raggiungevano le parti cantate.

Purtroppo, grande nota negativa, è stato il service audio, non riuscendo a rendere giustizia al lavoro fatto dalla compagnia, rendendo alcune parti cantate, ma sopratutto le parti recitate quasi incomprensibili. Realizzare un musical non è cosa semplice, e la parte tecnica è fondamentale nella messa in scena. Ieri sera era molto carente.

Ma detto questo, ritorno allo spettacolo, che ancora una volta lodo, sopratutto nella preparazione canora, che in alcuni passaggi erano da brivido.

Alcune scelte registiche non mi hanno del tutto convinto, come quella di far continuamente ballare paride in momenti, dove onestamente dava più fastidio che altro. Ok per la scena della festa, anche se comunque si distaccava dal resto della coreografia, perdendo la coralità della scena. Ma sopratutto non mi è piaciuto vederlo ballare, mentre il Conte Capuleti e la moglie, irati richiamavano Giulietta, obbligandola a sposare Paride. Distraeva vederlo ballare, perdendo la giusta enfasi.

Stupendi gli abiti, dove è stato fatto un gran bel lavoro sui modelli e sulla realizzazione di questi. Altrettanto interessante la scelta scenografica minimale, e che allo stesso tempo ha sfruttato la struttura a disposizione. Un po’ complicato da portare oltre quella struttura lo spettacolo, ma per questa messa in scena, l’ho trovata interessante.

Si, mi sono un po’ dilungato, cosa che cerco sempre di non fare. Ma avevo interesse a descrivere nel dettaglio questo lavoro. È sempre bello vedere nuove realtà, sopratutto quando lavorano con impegno e voglia di mettersi in gioco. Mi auguro che sia solo il primo di molti lavori.

INFO

DI William Shakespeare | ADATTAMENTO E REGIA Agostino Giordano, Carla Russo | CANTO Luigi Della Monica | RECITAZIONE Carla Russo | COREOGRAFIE Jesus Guia | SCENOGRAFIA Lorena Raia, Francesco Pio De Rosa | COSTUMI Antonella Ricciardi, Maria Luciano | ASSISTENTE ALLA PRODUZIONE Chiara Foresta | ACCONCIATURE E MAKEUP ArtHair di Roberto Giordano & Staff | CON Danilo Della Rocca, Carmen Palladino, Maria Olmina Palladino, Luigi Della Monica, Luisa Della Rocca, Luca Bellopede, Ada Fausto, Francesco Pio De Rosa, Luca Mannara, Marco Cicalese, Guido Mastroianni, Vito Palazzo, Gabriele Pellegrino, Giulia Impero, Dorothy Di Domenico, Elena Manzo, Dalila D’Andrea, Gabriella Germani, Dario Ferrara, Arianna Bisogno, Carmen Capuano, Giuliana Carpentieri, Simone Della Rocca, Berti Biagio, Stefania Della Rocca, Rosaria Longobardi, Alessia Longobardi | TEATRO Chiostro Santa Maria del Rifugio (Cava de’ Tirreni) | DATA 2 luglio 2015

Annunci

3 pensieri su “Romeo e Giulietta dall’odio all’amore

  1. mchan84 ha detto:

    Hallo! Penso che il “problema” di Paride sia ripreso dal musical Romeo&Giulietta ama e cambia il mondo. Ricordo che anche lì ballava sempre da solo e la cosa era un pochino strana rispetto a tutto il contesto. Sembrava messo lì a casaccio…
    Comunque bella iniziativa! 😉
    Mchan

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...