1984

1984

1984L’OPINIONE 1984, è stato definito il maggiore romanzo della corrente distopica, ovvero quella corrente nata nel dopoguerra, caratterizzata da un profondo pessimismo, segno di una profonda crisi dei valori.

Lo si sente fortemente in questa storia, anche se tutto punta a denunciare il bisogno di controllo assoluto che i partiti totalitari, ed i suoi leader chiedevano al loro popolo. La pretesa era totalitaria, tanto da riuscire a piegare la realtà e le persone al proprio volere, a sfavore della libertà e della felicità di quest’ultimo.

Questo è quello di cui parla 1984, anche se visto da un punto di vista fantascientifico, Orwell punta a denunciare senza troppi veli la Russia Stalinista.

Ma tornando al libro, la storia è coinvolgente, anche perché tutto è raccontato nel minimo dettaglio, e tutto raccontato dal punto di vista di Winston, un uomo comune che spera prima o poi di poter sovvertire il Grande Fratello, che tutto vede e tutto sa.

La storia non è di quelle gioiose e a lieto fine, ed in fondo se pensiamo alla corrente in cui si posiziona, non potrebbe essere diversamente. A tratti sembra bella, sembra quasi un romanzo a lieto fine, speriamo quasi che il protagonista possa vincere contro il partito. Ma il Grande Fratello è li che ti guarda, ti controlla, sa tutto di te. Il Grande Fratello va amato, altrimenti sei vaporizzato. Non esisti e non sei mai esistito.

Un grande libro che credo tutti dovremo leggere, perché oggi pensiamo al grande fratello come qui quattro deficienti che si chiudono in una casa a farsi scrutare da un’intera Nazione. Ma è qualcosa di molto più profondo, su cui è importante ragionare ogni tanto.

Voto 4/5

RIASSUNTO 1984. Il mondo è diviso in tre immensi superstati in perenne guerra fra loro: Oceania, Eurasia ed Estasia. In Oceania, la cui capitale è Londra, la società è governata dal Grande Fratello, che tutto vede e tutto sa. I suoi occhi sono le telecamere che spiano di continuo nelle case, il suo braccio la psicopolizia che interviene al minimo sospetto. Tutto è permesso, non c’è legge scritta. Niente, apparentemente, è proibito. Tranne pensare. Tranne amare. Tranne divertirsi. Tranne vivere, insomma, se non secondo gli usi e costumi imposti dall’infallibile e onnisciente Grande Fratello, che nessuno ha mai visto di persona. Dal loro rifugio, in uno scenario desolante da Medioevo postnucleare, solo Winston Smith e Julia lottano disperatamente per conservare un granello di umanità…

NAZIONE Gran Bretagna | ANNO 1949 | GENERE Romanzo | AUTORE George Orwell

Annunci

9 pensieri su “1984

    • sabato83 ha detto:

      Mmm…su wikipedia, parlava di Lenin, ma non mi meraviglierei se fosse errato. Comunque mi hai incuriosito. Mi informerò meglio e nel caso correggo.
      Per il voto non me la sono sentita di dare un 5. Qualcosa non mi ha spinto a tanto.

      Mi piace

      • ysingrinus ha detto:

        Spero tu abbia controllato su quella in versione inglese e non italiana… 😀
        Ecco la pagina inglese: https://en.wikipedia.org/wiki/Nineteen_Eighty-Four con un paio di citazioni della suddetta: «The omnipresent images of Big Brother, a man described as having a moustache, bears resemblance to the cult of personality built up around Joseph Stalin» e «The “Hates” (Two Minutes Hate and Hate Week) were inspired by the constant rallies sponsored by party organs throughout the Stalinist period. These were often short pep-talks given to workers before their shifts began (Two Minutes Hate), but could also last for days, as in the annual celebrations of the anniversary of the October revolution (Hate Week)».
        Orwell critica fortemente lo stalinismo, come si può leggere anche nella Fattoria degli animali.
        Durante il periodo della guerra civile spagnola, Orwel, cito sempre da Wikipedia, dice: «[parlando proprio dei suoi scritti del periodo] written, directly or indirectly, against totalitarianism and for democratic socialism».
        Adesso secondo me dovresti continuare il filone distopico, leggendo Il mondo nuovo di Huxley e poi volendo passando a Fahrenheit 451 di Bradbury (che forse possono piacerti di piú). 🙂

        Mi piace

  1. sherazade ha detto:

    Tutto parte da 1984. Non si può capire l oggi i richiami All insidia del Grande fratello che si è materializzato se nn si è letto questa pietra miliare che traccia l oggi e il futuro con acuta preoccupante precisione.
    Sherasognidoro

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...