Homeland (4° stagione)

Homeland (4°stagione)L’OPINIONE Delle quattro stagioni andate in onda fino a questo momento, devo dire che questa è stata la peggiore. Con l’uscita di scena di Brody, tutta la storia ha perso di energia ed enfasi. E’ diventata una semplice storia di guerriglia tra Stati Uniti e al-Qaida. I personaggi sono gli stessi della stagione precedente, ovviamente senza Brody, ma tutti hanno una marcia in meno.

La sensazione è quella che sia stata tirata fuori una storia giusto per dare ancora un po’ di spazio a questa stagione, che ormai non ha più nulla da dare.

Qualche spunto c’è stato nel finale di stagione, negli ultimi due o tre episodi, ma nulla di eccezionale.

Onestamente con queste basi, una quinta stagione spero non la facciano proprio, perché non so proprio cosa possano riuscire a tirarne fuori

Voto 2/5

TRAMA Nicholas Brody, un sergente dei Marine ritenuto scomparso in azione nella guerra d’Iraq, viene liberato dopo otto anni di prigionia. Una volta ritornato a casa, l’intera nazione lo elegge immediatamente ad eroe di guerra. Carrie Mathison, un’analista della CIA, è l’unica a credere che in realtà egli rappresenti una seria minaccia per il Paese: identifica infatti in Brody uno sconosciuto prigioniero di guerra americano che ha saputo essersi convertito all’Islam ed essere passato al servizio di al-Qaida. Rendendosi conto delle difficoltà di provare la sua tesi e di convincere i suoi superiori a mettere sotto sorveglianza il sergente, Carrie inizia ad indagare segretamente sulla figura di Nicholas Brody, per prevenire un altro attacco terroristico sul suolo americano.

NAZIONE Stati Uniti | ANNO 2014 | GENERE Drammatico, Thriller, Psicologico | IDEATORE Gideon Raff

Annunci

4 pensieri su “Homeland (4° stagione)

  1. lapinsu ha detto:

    Io ho mollato a metà della terza stagione, nauseato.
    La storia, è chiarissimo, avrebbe dovuto concludersi con la stagione 1 (come per altro accadde nella serie israeliana originale, di cui è Homeland è il ramake).
    La seconda ancora tiene abbastanza botta, non tanto per la narrazione quanto per le sublimi interpretazioni dei due protagonisti.
    Ma già la terza puzzava di muffa lontano un chilometro.
    Mi spiace constatare da tanti commenti come il tuo che il declino sia irreversibile e addirittura precipitoso.
    Chissà se e quando le major americane capiranno che talvolta, anziche spremere una serie per trarne tutti i soldi possibili senza curarsi dello scadimento qualitativo è meglio chiudere i battenti per tempo e lasciarne un piacevole ricordo…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...